ISO 12647-2

Quali novità per lo stampatore?

La terza versione della norma ISO 12647-2 è stata pubblicata a dicembre 2013, pronta per essere adottata a livello internazionale dalle aziende che operano nel settore delle arti grafiche. La prima edizione risale al lontano 1996, mentre la seconda è stata pubblicata nel 2004 per poi subire qualche piccolo aggiornamento nel 2007.

Quest’ultima edizione è stata ampiamente rivista rispetto alla precedente, poiché l’evoluzione tecnologica e le metodologie di lavoro si sono sviluppate molto rapidamente negli ultimi dieci anni. La norma ISO 12647-2:2013 specifica processi e parametri da utilizzare per la produzione in quadricromia su macchine da stampa a foglio e bobina heat-set con processo offset, si applica anche nel packaging per la stampa su cartone e in tutti i metodi di essiccazione dell’inchiostro con forno classico, a infrarossi e ultravioletti.

Le caratteristiche indicate coprono tutte le fasi del processo di produzione, dalla separazione dei colori, alla produzione dello stampato per le varie tipologie di carta, utilizzabili per la stampa commerciale. Fornisce inoltre riferimenti per il controllo e il mantenimento della qualità in produzione.

Un'approfondita analisi su ogni punto della norma oggetto di revisione, è disponibile nel seguente webinar e negli articoli ad esso collegato. Tutto il progetto editoriale e stato realizzato in collaborazione con il Prof. Adalberto Monti e pubblicato dalla rivista Italia Grafica, organo ufficiale di Assografici.




Rispettare le printing conditions

Nuovi profili ECI per la stampa offset piana

Nuovo profilo ColorLogic per la stampa offset piana

La terza versione della norma ISO 12647-2

Printing Conditions, cosa cambia

L'utilizzo dello spettrofotometro