Post

Caratterizzare e certificare le tinte piatte con il CxF/X-4

Immagine
La scatola, l’etichetta o qualsiasi altro oggetto possono essere stampati su diversi tipi di supporto, tra cui carta, poliestere, substrati metallici, e con differenti tipologie di stampa, spesso abbinate tra loro. Anche i tipi di inchiostro che vengono utilizzati influenzano largamente la riproduzione del colore. 
Un metodo comune per comunicare le tinte piatte alla stampa è l’utilizzo fisico delle mazzette Pantone, anche se queste sono soggette a variazioni cromatiche nel corso del tempo, dovute all’esposizione alla luce o allo sfregamento meccanico subìto durante il loro utilizzo. È inoltre importante capire che la maggior parte dei colori in esse riprodotti, rappresentano semplicemente un risultato visivo di quell’inchiostro su un ipotetico supporto cartaceo. In commercio esistono diverse mazzette che coprono solo alcuni tipi di carta, tra cui le patinate lucide, le patinate opache o l’usomano, mentre per altri tipi di materiale o in caso di nobilitazioni (plastificazione, vernic…

Due corsi per le aziende grafiche

Immagine
In collaborazione con Comunico Italiano all'interno del Polo Grafico di Bologna, è stato raggiunto un importante risultato di grande interesse per le imprese grafiche presenti sul territorio.
Presso l'Istituto Salesiano Beata Vergine di San Luca, saranno avviati due percorsi di aggiornamento su tematiche cruciali nel settore della stampa e di interesse per i titolari di studi grafici e comunicazione.
Di seguito il dettaglio dei corsi per avere informazione sulle tematiche, le ore e i partner coinvolti: COLOR DESIGN - Corso di aggiornamento professionale serale, rivolto agli operatori delle Agenzie Pubblicitarie e degli Studi Grafici, sulle esigenze specifiche che lo stampato richiede e che l’evoluzione tecnologica propone.COLOR PRESS - Corso di aggiornamento professionale serale, rivolto agli operatori delle Aziende Grafiche di stampa e prestampa, sulle esigenze specifiche che lo stampato richiede e che l’evoluzione tecnologica propone per implementare l'efficienza della m…

Corso: PDF/X… AMICO O NEMICO?

Immagine
Sei stanco di perdere tempo e denaro, nel rincorrere problemi di non conformità dei tuoi prodotti stampati? Iscriviti al corso su come ottenere un PDF/X idoneo per la stampa, organizzato da Comunico Italiano!
DATA di inizio: 3 Febbraio 2018
DESTINATARI: Creativi, studi grafici, agenzie di comunicazione, addetti di prestampa…. coloro che con il PDF lavorano quotidianamente.
DESCRIZIONE: Sia l’industria della stampa che le modalità di processare i PDF, hanno subìto nel corso del tempo cambiamenti significativi. Il modello di pubblicazione multicanale sta assumendo molta più importanza rispetto al metodo convenzionale, dove i contenuti vengono preparati per una specifica condizione di stampa. L’editoria sta diventando sempre più indipendente dal supporto e dalla tecnologia di stampa utilizzata, di conseguenza è indispensabile un approccio più flessibile, al momento della creazione del documento. Il Ghent Workgroup ha creduto che fosse necessario mantenere le specifiche aggiornate con i più …

Gestire le immagini RGB

Immagine
Il modello di pubblicazione multicanale sta assumendo molta più importanza rispetto al metodo convenzionale (dove i contenuti vengono preparati per una specifica condizione di stampa). L’editoria è sempre più indipendente dal supporto e dalla tecnologia di stampa utilizzata, di conseguenza è indispensabile un approccio più flessibile, al momento della creazione del documento.
Il Ghent Workgroup ha creduto che fosse necessario mantenere le specifiche aggiornate con i più recenti sviluppi tecnologici e a tal proposito ha rilasciato lo scorso anno la nuova specifica “GWG2015”, basata sullo standard PDF/X-4 (ISO 15930-7:2010).
Da qualche mese è anche disponibile una guida in italiano denominata “GWG2015 PDF/X workflow”, un progetto realizzato grazie al fondamentale supporto di Comunico Italiano (l’Associazione che riunisce le realtà imprenditoriali italiane del mondo della comunicazione), a cui seguiranno a breve dei corsi di formazione specifica rivolta sia ai creativi che agli addetti di …

Denis Salicetti riconfermato Consigliere TAGA Italia

Immagine
Il tradizionale evento annuale, tenutosi quest’anno a Brescia presso l’Auditorium Capretti – Istituto Artigianelli, ha confermato le aspettative di tutti gli ospiti, sia in termini di numeri che di qualità degli interventi. Il TAGA Day 2017 ha registrato oltre 100 partecipanti, con un netto incremento rispetto all’edizione 2016 svoltasi a Reggio Emilia.
Significativa è stata anche la partecipazione di un’intera classe di alunni del terzo anno della Scuola Grafica Artigianelli, a conferma del lavoro che i consiglieri hanno portato avanti nello scorso biennio, rafforzando il rapporto con le scuole e con gli enti di formazione.
Al TAGA Day è stato possibile approfondire tre argomenti chiave della tecnologia grafica: il rapporto clienti-fornitori, i colori spot in tutti i processi di stampa e in particolare il tema principale della giornata sulla “stampa digitale”, che ha visto la partecipazione diretta dei tecnici di FOGRA.
A seguire, si è tenuta l’assegnazione della borsa di studio in …

GWG2015 PDF/X workflow disponibile in italiano

Immagine
L’attuale specifica "Ghent Workgroup 1v4" basata sul PDF/X-1a (ISO 15930-4:2003), è stata per molti anni lo standard di fatto per quanto riguarda l'interscambio di file PDF/X nel settore delle arti grafiche e come tale, nel corso del tempo, la sua evoluzione ha rappresentato una vera e propria sfida.

Sia l’industria della stampa che le modalità di processare i PDF, hanno subìto però nel corso del tempo cambiamenti significativi. Il modello di pubblicazione multicanale sta assumendo molta più importanza rispetto al metodo convenzionale, dove i contenuti vengono preparati per una specifica condizione di stampa. L’editoria sta diventando sempre più indipendente dal supporto e dal mezzo di comunicazione utilizzato, di conseguenza diventa indispensabile un approccio cross-media, al momento della creazione del documento.

Il Ghent Workgroup ha creduto che fosse necessario mantenere le specifiche aggiornate con i più recenti sviluppi tecnologici e a tal proposito ha rilasciato …

Pubblicato il PDF 2.0 (ISO 32000-2:2017)

Immagine
Dopo nove anni di sviluppo da parte di più di 30 esperti sparsi per tutto il mondo (gruppo di lavoro TC171), è stato finalmente pubblicato il PDF 2.0 (ISO 32000-2:2017).
Questa è la prima specifica sul PDF sviluppata interamente in maniera autonoma dal gruppo di lavoro ISO, al contrario della precedente norma ISO 32000-1:2008 considerata più che altro una standardizzazione del PDF 1.7 di Adobe.
Il PDF 2.0 (971 pagine in totale) è da considerare più come un'evoluzione che una rivoluzione. Sette capitoli della specifica sono stati completamente riscritti, con l’obiettivo di eliminare le ambiguità e gli errori della vecchia norma (gestione trasparenze, ecc…).
Oltre a mantenere la piena compatibilità con le precedenti versioni del PDF, sono state aggiunte nuove e importanti funzionalità per il settore delle arti grafiche: Compensazione punto nero per ogni oggetto (ISO 18619:2015 | BPC) al fine di ottenere una migliore conversione colore nelle ombre delle immagini.Intento di output (a live…