È iniziata l'era del post PC

Il 7 marzo 2012 si è tenuto un Apple Special Event, dove è stato presentato "The New iPad" e "The New Apple TV". Come di consueto prima di ogni keynote, sono rimbalzati in giro per il web una miriade di pronostici su quello che sarebbe stato presentato e devo dire che molte cose sono state azzeccate. Come molti appassionati, ho seguito la diretta sui blog a partire dalle 19 e il giorno seguente ho guardato il podcast messo a disposizione da Apple. Anche i successivi approfondimenti sui vari media si sono rivelati interessanti, pieni di spunti e riflessioni sui prodotti appena presentati. Ovviamente tutta l'attenzione era focalizzata su "The New iPad", a mio giudizio una macchina straordinaria, che al momento non conosce rivali e che si posiziona sul mercato come leader indiscusso. Ma ora vorrei puntare i riflettori su un passaggio della presentazione di Tim Cook che mi ha rapito, che aldilà delle caratteristiche tecniche dei nuovi prodotti, getta le basi della nuova rivoluzione, quella del post PC.

Video: Apple Special Event, Tim Cook, Post PC
Apple nel solo 2011 ha venduto 176.000.000 di device mobili, che rappresentano il 76% dei suoi ricavi!!! Oramai il Mac è diventato chiaramente marginale nella strategia di sviluppo e credo che in futuro servirà più che altro da traghettatore verso i dispositivi portatili di prossima generazione. Come responsabile di una infrastruttura informatica aziendale, sto cominciando a farmi molte domande sulle reali opportunità offerte da una macchina come "The New iPad". Partiamo dal presupposto che l'impiegato medio utilizza il PC per navigare su internet, gestire la propria casella di posta elettronica, scambiare messaggi in chat con i colleghi e produrre classici documenti dalla suite Office. Questo tipo di attività è già alla portata del cosiddetto post PC. Ma per tutto il resto? Mi torna alla memoria quando da studente mi incuriosivo nel vedere i primi Mac affiancati ai blasonati sistemi dedicati di fotocomposizione e scansione immagini, quando l'insegnante mi spiegava che erano il futuro ma non ancora all'altezza degli allora sistemi in uso. A distanza di 20 anni mi trovo a utilizzare un MacBookPro che passa la maggior parte del suo tempo ad annoiarsi nell'aspettare il task successivo. Sono convinto che la nuova rivoluzione sia già partita e che il post pc sia la certezza del futuro e non più una scommessa da analizzare e valutare. Non mi sono mai fatto prendere da facili entusiasmi e per scelta non ho mai acquistato un iPad prima d'ora perché lo consideravo non adatto alle mie esigenze quotidiane, sia dal lato hardware che software, ma mi sto ricredendo. Il pacchetto formato dal nuovo hardware, da iOS 5.1 e dalle infinite applicazioni disponibili mi fanno riflettere parecchio. In parte lo sperimento quotidianamente come soddisfatto utilizzatore di iPhone4S, un post PC che mi permette veramente di fare una miriade di cose, meglio del mio amato Mac.

Post popolari in questo blog

Caratterizzare e certificare le tinte piatte con il CxF/X-4

GWG2015 PDF/X workflow disponibile in italiano

L’ottimizzazione dell’impaginato