Siamo pronti per gestire i documenti PDF/X-4?


È da molti anni che si parla di Pdf/X-4 e dei vantaggi che l'utenza delle arti grafiche potrebbe trarne dal suo utilizzo, in particolare per la gestione nativa delle trasparenze e dei livelli. Ma la realtà dei fatti è che nessun flusso di lavoro, è in grado di dare garanzie certe, sulla corretta interpretazione dei documenti, con la diretta conseguenza che la sua diffusione stenta a decollare.

A questo proposito, VIGC ha effettuato un test per verificare l'efficacia dei flussi di lavoro, ed è emerso che la complessità nella gestione delle trasparenze ha portato in alcuni casi, ad alcune differenze nell'interpretazione dei documenti. Il test prevede l'assegnazione di 2 distinte etichette. La prima denominata "PERFECT", dove ogni elemento viene interpretato esattamente come ci si aspetta, ed una seconda denominata "PASSED", dove vi è invece qualche piccola differenza. Attraverso l'utilizzo combinato di Altona Test suite versione 2 e di alcune nuove patch della Ghent Output Suite, sette flussi di lavoro hanno ottenuto l'etichetta "PASSED".

I prodotti in questione sono: EFI XF v4.5.5, Esko Suite 12, FujiFilm XMF v4.1.0.6, GMG ColorProof v5.3.1.97, Heidelberg Prinect 2011 SR1, Kodak Prinergy 5.2.2.2 e Xeikon X800 Digital Frontend. Questo è sicuramente un passo in avanti per la progressiva diffusione ed utilizzo, della specifica PDF/X-4 da parte dell'utenza delle arti grafiche, anche se però rimangono alcuni interrogativi. Il primo fra tutti (che fa parecchio riflettere) è la mancata assegnazione, sui menzionati prodotti dell'etichetta "PERFECT", mentre la seconda è l'inaspettata assenza dalla lista, di importantissimi e blasonati sviluppatori di workflow.

Siamo quindi pronti per gestire i documenti Pdf/X-4? A voi la risposta!

Post popolari in questo blog

Come preparare correttamente un PDF/X per la stampa

Caratterizzare e certificare le tinte piatte con il CxF/X-4

Il corretto flusso di lavoro nella stampa digitale