Rilasciata la Ghent PDF Output Suite 4.0


Attualmente chi si occupa di interscambio file nell’ambiente di prestampa, sta cominciando a dover gestire il PDF/X-4. Le differenze con il PDF/X-1a, evidenziano un sostanziale cambio di approccio nella gestione delle trasparenze, del colore e dei livelli. Questo sta generando un grande dibattito tra gli operatori, in quanto il nuovo approccio porta innovazione per poter raccogliere le esigenze del mercato, ma anche insicurezza legata alle possibili incompatibilità. È importante poter verificare le applicazioni e i flussi di lavoro attraverso l’utilizzo di strumenti, come la “Ghent Output Suite v4”, un insieme di “file test”, per controllare la corretta interpretazione delle differenti funzionalità del pdf. Le aree coperte sono la sovrastampa, la foratura, l’incorporazione dei font, la gestione colore, le tinte piatte e tutto ciò che può portare a risultati inaspettati in stampa. L’approccio è molto semplice, in quanto la valutazione dell’esito dei test è puramente visiva, attraverso l’utilizzo di un’immagine campione di riferimento. Molto lavoro è stato svolto sulle nuove patch, per verificare le funzionalità del PDF/X-4, come la trasparenza, i livelli, le immagini a 16 bit e la compressione JPEG2000.
L'unico strumento affidabile, preparato dai massimi esperti di settore, per mettere alla prova qualsiasi applicazione per la gestione del pdf.

Post popolari in questo blog

Come preparare correttamente un PDF/X per la stampa

Caratterizzare e certificare le tinte piatte con il CxF/X-4

Il corretto flusso di lavoro nella stampa digitale